LA SETTIMANALE DI FOTOGRAFIA ALLA SALA FILMCLUB

TORNA A GENOVA LA SETTIMANALE DI FOTOGRAFIA
dedicata ai grandi maestri della fotografia internazionale:

DAL 21 al 23 maggio 2018 
SALA FILMCLUB, CINEMA SIVORI

UN CICLO DI FILM SULLA FOTOGRAFIA ORGANIZZATO DA CIRCUITO CINEMA GENOVA

prevendite aperte      Acquista

23 MAGGIO | 16:15 – 18:45 – 21:00
VISAGES, VILLAGES DI jr, agnes varda

Agnès Varda, leggenda del cinema francese, prima donna regista a ricevere l’Oscar alla carriera, e JR, giovane street artist francese, in viaggio attraverso la Francia rurale a bordo di un bizzarro camion-macchina fotografica, in un percorso fatto di dialoghi, ricordi, riflessioni dei luoghi attraversati e soprattutto delle persone incontrate.

 



Biglietteria
: intero  5€
ridotto 4€ (possessori Many Movies Young, Campus e Cus Genova)

INFO: Sala Filmclub | 010 583261
Salita Santa Caterina 12 – 16123 Genova


EVENTI PASSATI:

LUNEDI’ 21 MAGGIO | 16:15 – 18:45 – 21:00
KOUDELKA FOTOGRAFA LA TERRA SANTA DI GILAD BARAM

Il racconto del lavoro di reportage che Josef Koudelka, uno dei più grandi fotografi contemporanei, membro storico dell’agenzia Magnum, ha svolto nell’arco di cinque anni, tra il 2008 e il 2012, lungo il muro che separa Israele e Palestina.
Accompagnato dal giovane regista e fotografo israeliano Gilad Baram, Koudelka ha attraversato Gerusalemme Est, Hebron, Ramallah, Betlemme e numerosi insediamenti israeliani dislocati lungo il confine. Le fotografie in bianco e nero che ha scattato si alternano ai filmati con cui Baram documenta il processo creativo del maestro Koudelka.

MARTEDI’ 22 MAGGIO | 16:15 – 18:45 – 21:00
Mimmo Jodice. Fotografia italiana
di Giampiero D’angeli

Mimmo Jodice è uno dei grandi autori della fotografia italiana. Il suo lavoro gioca sul dualismo tra realtà e immaginazione, è una lunga ricerca sulla memoria, un modo per esorcizzare i dubbi e le inquietudini del vivere. In questo film, Jodice racconta se stesso e il proprio lavoro, cercando nei luoghi più suggestivi della sua Napoli le origini della civiltà mediterranea. Il tempo non esiste più, i resti archeologici, gli antichi volti scolpiti nella pietra e il mare sono i soggetti che ispirano le sue immagini.